domenica 30 agosto 2015
 
La "trovata" pubblicitaria che non piace
pomì, terra dei fuochi, veleni, prodotti ortofrutticoli campania, aziende pulite campania,

Sarà stato il servizio delle Iene o le ultime rivelazione di Carmine Schiavone, fatto sta che quello che da anni avviene nella Terra dei Fuochi ora fa paura e c'è chi prende le distanze. L'azienda Pomì, specializzata nella lavorazione del pomodoro, con una campagna pubblicitaria che non lascia niente all'immaginazione, ha chiarito che "Pomì utilizza solo pomodori freschi dei soci del Consorzio Casalasco, coltivati nel cuore della Pianura Padana, ad una distanza media inferiore ai 50 km dagli stabilimenti di confezionamento".
 

Anche se non c'è nessun riferimento al disastro campano la mossa dell'azienda di pomodori è una netta e chiara presa di distanza dai prodotti che vengono coltivati nella terra dei fuochi. La scelta ha scatenato le polemiche della rete alle quali Pomì ha risposto che "i recenti scandali di carattere etico/ambientale che coinvolgono produttori ed operatori nel mondo dell'industria conserviera stanno muovendo l'opinione pubblica, generando disorientamento nei consumatori verso questa categoria merceologica. Il Consorzio Casalasco del Pomodoro e il brand Pomì sono da sempre contrari e totalmente estranei a pratiche simili, privilegiando una comunicazione chiara e diretta con il consumatore.

 

Per questo motivo l'azienda comunicherà sui principali quotidiani nazionali e locali, ribadendo i suoi valori e la sua posizione in questa vicenda.Si tratta di un atto dovuto non soltanto nei confronti dei consumatori, ma anche nel rispetto delle aziende agricole socie, del personale dipendente e di tutti gli stakeholders che da sempre collaborano per ottenere la massima qualità nel rispetto delle persone e dell'ambiente".
 

Pomì tutela i propri interessi e c'è chi sulla pagina Facebook dell'azienda vede questa strategia come "una speculazione su un disastro ambientale di cui quel medesimo nord è altamente responsabile". Le offese si sprecano e c'è chi invita a boicottare i prodotti dell'azienda. L'azienda ha cercato di dissinescare quella bomba di dubbi che aveva innescato "le Iene" affermando che gli ortaggi della Terra dei fuochi arrivano in tutta Italia e sono usati da molte aziende del Nord. Un messaggio servito a far comprendere maggiormente il problema ma che potrebbe essere un boomerang letale per quelle aziende della Campania che lavorano nel pieno rispetto delle regole e in zone altamente controllate. Un altro colpo all'economia agroalimentare campana ha preso il via.
 


Pasqualino Magliaro
04/11/2013

stampa Condividi su Facebook Condividi su g++ Condividi su Twitter

Altre News


Ci riferiamo alla vicenda dell’operaio Gennaro Leo, scomparso per due giorni a Bologna, uno dei lavoratori salito in trasferta da Flumeri (Avellino) all’ex Bredamenarinibus
Anzi, “gli uomini del suo gruppo si erano messi in testa di far fuori nel 2008 Giuseppe Casamonica”. E’ la storia, questa, del pluripregiudicato della omonima famiglia di San Martino Valle Caudina
Lo rivela l'indagine sui fabbisogni delle Pmi, fornita all'’Ansa dalla Fondazione studi dei Consulenti del lavoro, realizzata in occasione della 'Summer school', in corso a Treia (Macerata)
A pensarla e realizzarla, a quattro mani, Ernesto Iaccarino, seconda generazione del Don Alfonso 1890 e Ciro Oliva, ultima generazione della storica pizzeria del rione Sanità di Napoli “Concettina ai tre Santi”
Per quanto riguarda l’isola di Mykonos, sono soprattutto adolescenti e giovanissimi a recarsi nell’isolotto delle Cicladi. Ma in molti facevano ritorno in città dopo un’estate in giro per l’Europa
Nel 2015 sono state 64 le nuove destinazioni raggiungibili da Napoli con voli di linea: 53 le destinazioni internazionali, 11 quelle nazionali ed oltre 50 le destinazioni charter
I dati sono in linea con quanto emerso dai controlli effettuati dalla Guardia di Finanza questa estate: fino al 13 agosto sono stati eseguiti 500 interventi a contrasto degli affitti irregolari di seconde e terze case
Le norme sul Patent Box, introdotte nella legge di stabilità per il 2015, rientrano nella strategia messa a punto dal Tavolo “Finanza per la Crescita” a cui partecipano le strutture dei due ministeri
Il sito Venere.com rileva che per soggiorni a settembre e ottobre “gli Italiani hanno scelto, più che negli anni passati, mete italiane: 40% a settembre contro il 33% dello scorso anno e 33% a ottobre contro il 27% del 2014”
Un intervento “generalizzato utile”, ricorda il presidente, "potrebbe invece essere quello sull’Irap, l'imposta regionale sulle attività produttive, che in alcune regioni è ai massimi per compensare lo sfondamento del patto di stabilità o i maggiori costi della sanità"
Dopo il grande successo di Cattivissimo me e Cattivissimo me 2 torna sul grande schermo l’attesissimo spin-off prodotto sempre da Illumination Entertainment e distribuito dall’Universal Picture.
Un posto che già sta conquistando la città. Quasi in centro c’è anche la toasteria. Un vero e proprio paradiso per gli amanti del toast, il caro e vecchio toast amato da tutti

I laureati in Italia

 
Bucarest, in 700 per un colloquio ma viene assunto un gatto Cercarsi direttore comunicazione per la Catbox di Bucarest. Un posto molto ambito per tanti. E infatti al colloquio si presentano...
Innovazione WhatsApp, arrivano le chiamate vocali Un'importante evoluzione per il mondo di WhatsApp. La celebre applicazione di messaggistica come annunciato oltre un mese fa...
Vendita Smartphone, Apple supera Samsung Apple ruba a Samsung il primato di vendite di Smartphone che ormai durava dal 2011. A certificare il sorpasso della "mela"...
La bottiglia della Coca Cola compie 100 anni: ecco la mostra che la celebra Tutti i giorni senza farci caso abbiamo a che fare con oggetti che sono passati alla storia. Pensiamo alla bottiglia della Coca...

Editore +Comunicazione di Francesca Fasolino - Via Mancini n.70 83100 Avellino - P.IVA/Codice Fiscale 02791700640
Registrazione al Tribunale di Avellino n°03/2012
telelono +39 0825 37367 - mail redazione@piueconomia.it
La collaborazione giornalista è aperta a tutti ma è in forma gratuita. L'eventuale pubblicazione di quanto pervenuto non obbliga, in nessun caso, l'amministrazione di questo giornale alla corresponsione di compensi e quant'altro considerando quale liberatoria l'invio stesso del materiale. Il materiale pervenuto in redazione, anche se non pubblicato, non verrà restituito.