venerdì 30 gennaio 2015
 
La "trovata" pubblicitaria che non piace
pomì, terra dei fuochi, veleni, prodotti ortofrutticoli campania, aziende pulite campania,

Sarà stato il servizio delle Iene o le ultime rivelazione di Carmine Schiavone, fatto sta che quello che da anni avviene nella Terra dei Fuochi ora fa paura e c'è chi prende le distanze. L'azienda Pomì, specializzata nella lavorazione del pomodoro, con una campagna pubblicitaria che non lascia niente all'immaginazione, ha chiarito che "Pomì utilizza solo pomodori freschi dei soci del Consorzio Casalasco, coltivati nel cuore della Pianura Padana, ad una distanza media inferiore ai 50 km dagli stabilimenti di confezionamento".
 

Anche se non c'è nessun riferimento al disastro campano la mossa dell'azienda di pomodori è una netta e chiara presa di distanza dai prodotti che vengono coltivati nella terra dei fuochi. La scelta ha scatenato le polemiche della rete alle quali Pomì ha risposto che "i recenti scandali di carattere etico/ambientale che coinvolgono produttori ed operatori nel mondo dell'industria conserviera stanno muovendo l'opinione pubblica, generando disorientamento nei consumatori verso questa categoria merceologica. Il Consorzio Casalasco del Pomodoro e il brand Pomì sono da sempre contrari e totalmente estranei a pratiche simili, privilegiando una comunicazione chiara e diretta con il consumatore.

 

Per questo motivo l'azienda comunicherà sui principali quotidiani nazionali e locali, ribadendo i suoi valori e la sua posizione in questa vicenda.Si tratta di un atto dovuto non soltanto nei confronti dei consumatori, ma anche nel rispetto delle aziende agricole socie, del personale dipendente e di tutti gli stakeholders che da sempre collaborano per ottenere la massima qualità nel rispetto delle persone e dell'ambiente".
 

Pomì tutela i propri interessi e c'è chi sulla pagina Facebook dell'azienda vede questa strategia come "una speculazione su un disastro ambientale di cui quel medesimo nord è altamente responsabile". Le offese si sprecano e c'è chi invita a boicottare i prodotti dell'azienda. L'azienda ha cercato di dissinescare quella bomba di dubbi che aveva innescato "le Iene" affermando che gli ortaggi della Terra dei fuochi arrivano in tutta Italia e sono usati da molte aziende del Nord. Un messaggio servito a far comprendere maggiormente il problema ma che potrebbe essere un boomerang letale per quelle aziende della Campania che lavorano nel pieno rispetto delle regole e in zone altamente controllate. Un altro colpo all'economia agroalimentare campana ha preso il via.
 


Pasqualino Magliaro
04/11/2013

stampa Condividi su Facebook Condividi su g++ Condividi su Twitter

Altre News


Lo precisa l’Inps in una circolare appena pubblicata nella quale precisa che gli sgravi valgono
Gli occupati a dicembre tornano a salire, crescendo di 93 mila unità in un mese (+0,4%), riportandosi, dopo due cali consecutivi, a valori vicini a quelli registrati a settembre. Lo comunica l'Istat nelle stime
Il ministro delle Infrastrutture e Trasporti Maurizio Lupi ha firmato il decreto di attuazione della legge Sblocca Italia che assegna altri 100 milioni
Sette è il diffusissimo settimanale del venerdì del Corriere della Sera. SetteGreen è l’inserto dedicato alle questioni ambientali. Questa settimana, il periodico del quotidiano più letto in Italia, accende i riflettori
Il Sole 24 Ore dedica ampio spazio al fenomeno delle trivellazioni petrolifere, mettendo in risalto il fatto che già sei Regioni “hanno fatto ricorso contro il decreto Sblocca Italia in quegli articoli...
Lo dice al Corriere della Sera il ministro dell'Istruzione, Stefania Giannini che sulle novità in arrivo per la scuola
La Giunta di Confindustria Campania ha approvato oggi il nuovo Statuto, dando attuazione ai nuovi principi organizzativi e di riforma statutaria di cui si è dotato il sistema Confindustria a livello nazionale.
Grande partecipazione per la giornata di Telefisco, il convegno annuale de “L’Esperto Risponde – Il Sole 24 Ore” giunto alla 24esima edizione che passa al setaccio tutte le novità fiscali del 2015. In totale sono 114 le sedi collegate in tutta Italia per seguire la giornata informativa organizzata
È ancora Sorrento la città italiana con la migliore reputazione online. Vincitrice assoluta nel 2014 nella tradizionale classifica di Trivago, che premia le 100 città del mondo i cui hotel si sono distinti per l'ottima reputazione online, la perla della Campania mantiene saldo il podio con una valu
Arriva il “nanoprestito”, uno strumento che sarà sperimentato nel corso del 2015 per garantire prestiti ai soggetti non bancabili e alle famiglie disagiate sistematicamente escluse dalla possibilità di accedere al credito
La Giunta regionale della Campania ha deciso di destinare 30 milioni di risorse a misure di recupero e riqualificazione del patrimonio infrastrutturale degli istituti scolastici. In particolare, 27 milioni vengono attribuiti ai territori delle province campane e sono finalizzati a misure di recupero
Si svolgerà a Napoli nella sala Giunta del Comune di Napoli (ore 10), l’incontro di progettazione della seconda edizione di Smart City MED, che vedrà la sua concretizzazione in occasione di EnergyMed - Mostra Convegno sulle Fonti Rinnovabili e l’Efficienza Energetica nel Mediterraneo – in programma

Campania in vetrina/ Suor Orsola di Napoli

 
Barbie sull'orlo di una crisi: non piace più alle bambine La bambola che ha fatto felici milioni di bambine, non piace più. Stiamo parlando della famosissima Barbie che tante imitazioni ha...
Asta record per autoritratto di Bacon: da 13 a 18 milioni di sterline Tra i 13 e i 18 milioni di sterline. È questa la stima di un raro doppio autoritratto evocativo di Francis Bacon -uno degli...
Nepal, bus per sole donne contro le molestie sessuali Autobus per sole donne contro le molestie sessuali sui mezzi pubblici in Nepal. E' l'iniziativa messa a punto dal governo a...
Nei "pasticci" il Boss delle torte, Buddy Valastro arrestato a New York L'uomo è stato portato in custodia ma, probabilmente verrà rilasciato nelle prossime ore.

Editore +Comunicazione di Francesca Fasolino - Via Mancini n.70 83100 Avellino - P.IVA/Codice Fiscale 02791700640
Registrazione al Tribunale di Avellino n°03/2012
telelono +39 0825 37367 - mail redazione@piueconomia.it
La collaborazione giornalista è aperta a tutti ma è in forma gratuita. L'eventuale pubblicazione di quanto pervenuto non obbliga, in nessun caso, l'amministrazione di questo giornale alla corresponsione di compensi e quant'altro considerando quale liberatoria l'invio stesso del materiale. Il materiale pervenuto in redazione, anche se non pubblicato, non verrà restituito.