venerdì 25 luglio 2014
 
La "trovata" pubblicitaria che non piace
pomì, terra dei fuochi, veleni, prodotti ortofrutticoli campania, aziende pulite campania,

Sarà stato il servizio delle Iene o le ultime rivelazione di Carmine Schiavone, fatto sta che quello che da anni avviene nella Terra dei Fuochi ora fa paura e c'è chi prende le distanze. L'azienda Pomì, specializzata nella lavorazione del pomodoro, con una campagna pubblicitaria che non lascia niente all'immaginazione, ha chiarito che "Pomì utilizza solo pomodori freschi dei soci del Consorzio Casalasco, coltivati nel cuore della Pianura Padana, ad una distanza media inferiore ai 50 km dagli stabilimenti di confezionamento".
 

Anche se non c'è nessun riferimento al disastro campano la mossa dell'azienda di pomodori è una netta e chiara presa di distanza dai prodotti che vengono coltivati nella terra dei fuochi. La scelta ha scatenato le polemiche della rete alle quali Pomì ha risposto che "i recenti scandali di carattere etico/ambientale che coinvolgono produttori ed operatori nel mondo dell'industria conserviera stanno muovendo l'opinione pubblica, generando disorientamento nei consumatori verso questa categoria merceologica. Il Consorzio Casalasco del Pomodoro e il brand Pomì sono da sempre contrari e totalmente estranei a pratiche simili, privilegiando una comunicazione chiara e diretta con il consumatore.

 

Per questo motivo l'azienda comunicherà sui principali quotidiani nazionali e locali, ribadendo i suoi valori e la sua posizione in questa vicenda.Si tratta di un atto dovuto non soltanto nei confronti dei consumatori, ma anche nel rispetto delle aziende agricole socie, del personale dipendente e di tutti gli stakeholders che da sempre collaborano per ottenere la massima qualità nel rispetto delle persone e dell'ambiente".
 

Pomì tutela i propri interessi e c'è chi sulla pagina Facebook dell'azienda vede questa strategia come "una speculazione su un disastro ambientale di cui quel medesimo nord è altamente responsabile". Le offese si sprecano e c'è chi invita a boicottare i prodotti dell'azienda. L'azienda ha cercato di dissinescare quella bomba di dubbi che aveva innescato "le Iene" affermando che gli ortaggi della Terra dei fuochi arrivano in tutta Italia e sono usati da molte aziende del Nord. Un messaggio servito a far comprendere maggiormente il problema ma che potrebbe essere un boomerang letale per quelle aziende della Campania che lavorano nel pieno rispetto delle regole e in zone altamente controllate. Un altro colpo all'economia agroalimentare campana ha preso il via.
 


Pasqualino Magliaro
04/11/2013

stampa Condividi su Facebook Condividi su g++ Condividi su Twitter

Altre News


In uno scambio di battute tra Alex Giordano, esperto di nuovi media, Nicodemo, cantautore digitale e Lello Savonardo, docente universitario
“Tarantella For Africa” accende i riflettori sul turismo e sul binomio arte e territorio. Quest’anno, infatti, gli organizzatori hanno deciso di spostare la kermesse dal bosco di Montemarano al centro storico
Dopo la calorosa accoglienza ieri a Sant'Agata dei Goti, il sindaco di New York Bill De Blasio, discendente di un immigrato della provincia di Benevento, oggi lascerà la Campania per proseguire il suo tour in Italia
Sono giovani musicisti irpini. Talenti in erba delle classi di canto jazz e moderno dell’Accademia di Musica “Wassily Kandinsky”. E animeranno la seconda edizione di “Avellino Suona Bene”
Gli ordini esteri aumentano in modo più significativo al Sud che in tutto il resto d'Italia. Un dato minimo ma confortante quello espresso nel Rapporto Impresa e Competitività 2014 dall'indagine annuale dell'Osservatorio Banche & Imprese
Dati che vanno contestualizzati ma che offrono un piccolo quadro delle spese che ogni ammminitrazioni comunale affronta annualmente. Openbilanci pubblica la graduatoria dei costi del personale di ogni amministrazione nel 2012
In pieno “regime” di bit generation e di software culture, Giffoni non poteva non aprirsi ad un nuovo fattore di creatività giovanile, quindi alla musica. E lo fa con “Giffoni Innovation Hub”, il nuovo dipartimento per progetti innovativi, start up, imprese culturali
Arrabbiati. Stanchi. Umiliati. Si sentono così i tanti medici campani che da mesi sperano di poter rientrare nella propria regione per esercitare la loro professione. Ad aprile il ministro Lorenzin ha firmato il decreto per la concessione delle deroghe al blocco del turnover nella Regione Campania.
E’ stato pubblicato il bando Fipit I.N.A.I.L. che eroga finanziamenti a fondo perduto per investimenti innovativi per migliorare le condizioni di salute e sicurezza sul lavoro a favore di imprese del settore edile, lapideo ed agricolo
“La filiera vitivinicola sta cambiando” – così ha esordito Alfonso Tartaglia, Dirigente Servizio Territoriale Provinciale Avellino, Regione Campania
Il Forum dei Giovani, in seguito alla delibera dell’Assemblea, presenta “Preparàti per il futuro”. Il progetto permetterà a tutti i ragazzi interessati di partecipare alle simulazioni dei test d’ingresso per le facoltà a numero programmato. Le facoltà sono: Medicina e Odontoiatria, Veterinaria, Prof
Oggi, nella sala conferenze del Giffoni Film Festival, l’assessore ai Trasporti e Viabilità della Regione Campania Sergio Vetrella, insieme al direttore del Festival Claudio Gubitosi, ha illustrato alla folta platea dell’importante kermesse cinematografica per ragazzi la campagna regionale sulla sic

Giffoni Innovation Hub: Arteprima ospite del primo workshop

  SPORT & BUSINESS
 
In arrivo il navigatore che trova la strada più bella Il navigatore satellitare è diventato uno strumento utilissimo per chi viaggia per lavoro o svago. Le scelte che offre il...
Apple assume chi sa preparare il caffè Apple cerca dipendenti, ma non tutti devono avere una laurea in informatica o essere dei geni nel settore. I dirigenti, infatti,...
Il giocatore più sexy del Mondiale? E' italiano Non è solo la classifica dei singoli gironi a tenere banco al Mondiale in Brasile. Un'altra graduatoria stilata da BuzzFeed uno...
Westminster: 1,7 milioni di euro spesi in alcol dai politici Secondo il Times ammonterebbe a circa 1,7 milioni di euro la cifra spesa in due anni per la fornitura dei bar di Westminister a...

Editore +Comunicazione di Francesca Fasolino - Via Mancini n.70 83100 Avellino - P.IVA/Codice Fiscale 02791700640
Registrazione al Tribunale di Avellino n°03/2012
telelono +39 0825 37367 - mail redazione@piueconomia.it
La collaborazione giornalista è aperta a tutti ma è in forma gratuita. L'eventuale pubblicazione di quanto pervenuto non obbliga, in nessun caso, l'amministrazione di questo giornale alla corresponsione di compensi e quant'altro considerando quale liberatoria l'invio stesso del materiale. Il materiale pervenuto in redazione, anche se non pubblicato, non verrà restituito.