lunedì 21 aprile 2014
 
La "trovata" pubblicitaria che non piace
pomì, terra dei fuochi, veleni, prodotti ortofrutticoli campania, aziende pulite campania,

Sarà stato il servizio delle Iene o le ultime rivelazione di Carmine Schiavone, fatto sta che quello che da anni avviene nella Terra dei Fuochi ora fa paura e c'è chi prende le distanze. L'azienda Pomì, specializzata nella lavorazione del pomodoro, con una campagna pubblicitaria che non lascia niente all'immaginazione, ha chiarito che "Pomì utilizza solo pomodori freschi dei soci del Consorzio Casalasco, coltivati nel cuore della Pianura Padana, ad una distanza media inferiore ai 50 km dagli stabilimenti di confezionamento".
 

Anche se non c'è nessun riferimento al disastro campano la mossa dell'azienda di pomodori è una netta e chiara presa di distanza dai prodotti che vengono coltivati nella terra dei fuochi. La scelta ha scatenato le polemiche della rete alle quali Pomì ha risposto che "i recenti scandali di carattere etico/ambientale che coinvolgono produttori ed operatori nel mondo dell'industria conserviera stanno muovendo l'opinione pubblica, generando disorientamento nei consumatori verso questa categoria merceologica. Il Consorzio Casalasco del Pomodoro e il brand Pomì sono da sempre contrari e totalmente estranei a pratiche simili, privilegiando una comunicazione chiara e diretta con il consumatore.

 

Per questo motivo l'azienda comunicherà sui principali quotidiani nazionali e locali, ribadendo i suoi valori e la sua posizione in questa vicenda.Si tratta di un atto dovuto non soltanto nei confronti dei consumatori, ma anche nel rispetto delle aziende agricole socie, del personale dipendente e di tutti gli stakeholders che da sempre collaborano per ottenere la massima qualità nel rispetto delle persone e dell'ambiente".
 

Pomì tutela i propri interessi e c'è chi sulla pagina Facebook dell'azienda vede questa strategia come "una speculazione su un disastro ambientale di cui quel medesimo nord è altamente responsabile". Le offese si sprecano e c'è chi invita a boicottare i prodotti dell'azienda. L'azienda ha cercato di dissinescare quella bomba di dubbi che aveva innescato "le Iene" affermando che gli ortaggi della Terra dei fuochi arrivano in tutta Italia e sono usati da molte aziende del Nord. Un messaggio servito a far comprendere maggiormente il problema ma che potrebbe essere un boomerang letale per quelle aziende della Campania che lavorano nel pieno rispetto delle regole e in zone altamente controllate. Un altro colpo all'economia agroalimentare campana ha preso il via.
 


Pasqualino Magliaro
04/11/2013

stampa Condividi su Facebook Condividi su g++ Condividi su Twitter

Altre News


Napoletani in Turchia, romani a Malta e milanesi nel Mar Rosso. Sono le destinazioni scelte dagli italiani, in occasione del lungo ponte
Jolanda de Rienzo approda su Rai 2 dopo la lite in diretta col suo partner alla conduzione di Goal Show, rubrica sportiva di Canale 9, rete locale campana
Conferenza stampa fiume del professore Paolo Piciocchi, medico legale e consulente di parte di Gennaro Rodia
Il Comune di Napoli ha disdetto il contratto con l'agenzia di rating Standard & Poor's, agenzia che ieri aveva bocciato il sindaco e la sua giunta sui conti
Nelle regioni del nord e nel settore della meccanica si verifica il maggior ricorso alla cassa integrazione
L’ex presidente della Camera ci riceve nel suo accogliente ufficio di via del Governo Vecchio, a Roma. Elegante, con un via via di imprenditori e collaboratori giovani, affabili e molto preparati
mercogliano, giovani, turismo religioso, associazione liberamente, 2.0, cemento, montevergine INTERVISTA
Giovani e senso civico, rapporto conflittuale? Sembra proprio di no stando all’intervista a più voci con i ragazzi di “LiberaMente 83013”
Uno spazio dedicato ai prodotti tipici nazionali, a partire dalle pietanze provenienti dalla Campania. Si chiamerà “Gustitaly” lo store che sarà inaugurato giovedì 24
Più di due italiani su tre (67%) non hanno tagliato la spesa a tavola per il pranzo di Pasqua, tra i quali il 62% ha mantenuto lo stesso budget
sucidi, social network, media education, campagna, sindacati, tonia de giuseppe INTERVISTA
Incontriamo Tonia De Giuseppe – segretaria confederale Cisl IrpiniaSannio - per fare con lei un approfondimento sulla Campagna sociale di Prevenzione
"Le statue d'argento" del tesoro del Santo rivedranno la luce e toglieranno il fiato ai tanti visitatori che vorranno apprezzarle presso la mostra "Storie d'Argento" allestita nel Museo del tesoro di San Gennaro

La nuova indentità visiva di Amalfi

  SPORT & BUSINESS
 
New York, giovane sdraiato sui binari della metro: illeso/Video Incredibile avventura vissuta da un ragazzo. Siamo a New York. È il dicembre del 2013 e un giovane in stato confusionale (forse...
Andrew guadagna 93mila dollari viaggiando/Foto Partito a dicembre 2013 alla volta dell’Australia, il ragazzo è diventato “Chief Funster” del New South Wales e viene pagato per...
Internet, in rete il bug che sconvolge il sistema Heartbleed è in grado di decriptare oltre due terzi dei server della rete rendendo leggibili agli hacker tutte le password di...
Lavorare da Apple è un incubo, parola di ex dipendenti Non è tutto rose e fiori dunque nel campus di Copertino dove regna sovrana la riservatezza al limite della paranoia

Editore +Comunicazione di Francesca Fasolino - Via Mancini n.70 83100 Avellino - P.IVA/Codice Fiscale 02791700640
Registrazione al Tribunale di Avellino n°03/2012
telelono +39 0825 37367 - mail redazione@piueconomia.it
La collaborazione giornalista è aperta a tutti ma è in forma gratuita. L'eventuale pubblicazione di quanto pervenuto non obbliga, in nessun caso, l'amministrazione di questo giornale alla corresponsione di compensi e quant'altro considerando quale liberatoria l'invio stesso del materiale. Il materiale pervenuto in redazione, anche se non pubblicato, non verrà restituito.