sabato 30 agosto 2014
 
La "trovata" pubblicitaria che non piace
pomì, terra dei fuochi, veleni, prodotti ortofrutticoli campania, aziende pulite campania,

Sarà stato il servizio delle Iene o le ultime rivelazione di Carmine Schiavone, fatto sta che quello che da anni avviene nella Terra dei Fuochi ora fa paura e c'è chi prende le distanze. L'azienda Pomì, specializzata nella lavorazione del pomodoro, con una campagna pubblicitaria che non lascia niente all'immaginazione, ha chiarito che "Pomì utilizza solo pomodori freschi dei soci del Consorzio Casalasco, coltivati nel cuore della Pianura Padana, ad una distanza media inferiore ai 50 km dagli stabilimenti di confezionamento".
 

Anche se non c'è nessun riferimento al disastro campano la mossa dell'azienda di pomodori è una netta e chiara presa di distanza dai prodotti che vengono coltivati nella terra dei fuochi. La scelta ha scatenato le polemiche della rete alle quali Pomì ha risposto che "i recenti scandali di carattere etico/ambientale che coinvolgono produttori ed operatori nel mondo dell'industria conserviera stanno muovendo l'opinione pubblica, generando disorientamento nei consumatori verso questa categoria merceologica. Il Consorzio Casalasco del Pomodoro e il brand Pomì sono da sempre contrari e totalmente estranei a pratiche simili, privilegiando una comunicazione chiara e diretta con il consumatore.

 

Per questo motivo l'azienda comunicherà sui principali quotidiani nazionali e locali, ribadendo i suoi valori e la sua posizione in questa vicenda.Si tratta di un atto dovuto non soltanto nei confronti dei consumatori, ma anche nel rispetto delle aziende agricole socie, del personale dipendente e di tutti gli stakeholders che da sempre collaborano per ottenere la massima qualità nel rispetto delle persone e dell'ambiente".
 

Pomì tutela i propri interessi e c'è chi sulla pagina Facebook dell'azienda vede questa strategia come "una speculazione su un disastro ambientale di cui quel medesimo nord è altamente responsabile". Le offese si sprecano e c'è chi invita a boicottare i prodotti dell'azienda. L'azienda ha cercato di dissinescare quella bomba di dubbi che aveva innescato "le Iene" affermando che gli ortaggi della Terra dei fuochi arrivano in tutta Italia e sono usati da molte aziende del Nord. Un messaggio servito a far comprendere maggiormente il problema ma che potrebbe essere un boomerang letale per quelle aziende della Campania che lavorano nel pieno rispetto delle regole e in zone altamente controllate. Un altro colpo all'economia agroalimentare campana ha preso il via.
 


Pasqualino Magliaro
04/11/2013

stampa Condividi su Facebook Condividi su g++ Condividi su Twitter

Altre News


A luglio disoccupazione al 12,6%, in rialzo di 0,3 punti percentuali su giugno. Lo rileva l'Istat (dati provvisori). Viene così cancellata la flessione del mese precedente. I disoccupati a luglio sono 3,22 milioni, in aumento del 2,2%
Due anteprime nell’ultimo venerdì di agosto del Laceno d’Oro, pronto ancora ad accogliere il suo pubblico con eventi di ampio respiro culturale
Una commistione di culture cinemaografiche che mette in mostra a Calitri i vari aspetti dell'amore e del modo di stare insieme. Calitri Sponz festival, la rassegna cinematografica voluta fortemente dall'artista di origine irpine Vinicio Capossela giunge alla sua seconda serata
Cucina, chef stellati e enogastronomia del territorio in un viaggio tra Irpinia e Cilento. Torna "Grand chef Gourmet" progetto di valorizzazione territoriale finanziato dall’Assessorato al Turismo della Regione Campania attraverso le risorse dell’Obiettivo Operativo 1.9 PO FESR Campania 2007-2013
La stretta sui consumi si fa sentire dappertutto e a giugno gli affari vanno male anche per la grande distribuzione (-1,3% su base annua)
Continuare a dar fiato al disagio di chi vive nella Valle del Sabato e sogna un ambiente sano da cui non si debba scappare. Questo l'obiettivo della manifestazione organizzata da dalle Ass. Briganti d'Irpinia e SOS Pianodardine he si terrà in data 29 Agosto, a partire dalle17 da Borgo Ferrovia
Così in un'intervista al Sole 24 Ore Graziano Delrio, sottosegretario alla presidenza del Consiglio con deleghe su coesione territoriale
L’appello del Ministro dalle pagine del giornale. Federica Guidi, ministro dello Sviluppo economico, dichiara a Repubblica
Anche il campano Riccardo Monti, presidente dell'Agenzia-Ice (Istituto per il commercio con l'estero), parla delle strategie per tutelare il made in Italy. «Vogliamo – afferma in un’intervista al Mattino -
L’ambiente che crea lavoro. Uno studio, realizzato da Conai - Consorzio Nazionale Imballaggi - in collaborazione con Althesys, dimostra quanto sia concreta e fattibile quest’ipotesi. Cogliere gli obiettivi Ue
Un po’ di respiro per diverse attività commerciali della città di Avellino, in periodi di “magra”. E’ sicuramente l’intento primario di “Luppolo e Farina”, l’evento
Giustizia al “rallentatore” per gli imprenditori a Salerno. In generale, la giustizia-lumaca costa agli imprenditori italiani oltre un miliardo l'anno

Calitri Sponz Film Fest

  SPORT & BUSINESS
 
Google: 300 mln di dollari per cavo sottomarino La rete via cavo collegherà gli Stati Uniti da due luoghi al Giappone. Il sistema di cavi a fibra ottica sottomarino nel Pacifico...
In arrivo il navigatore che trova la strada più bella Il navigatore satellitare è diventato uno strumento utilissimo per chi viaggia per lavoro o svago. Le scelte che offre il...
Apple assume chi sa preparare il caffè Apple cerca dipendenti, ma non tutti devono avere una laurea in informatica o essere dei geni nel settore. I dirigenti, infatti,...
Il giocatore più sexy del Mondiale? E' italiano Non è solo la classifica dei singoli gironi a tenere banco al Mondiale in Brasile. Un'altra graduatoria stilata da BuzzFeed uno...

Editore +Comunicazione di Francesca Fasolino - Via Mancini n.70 83100 Avellino - P.IVA/Codice Fiscale 02791700640
Registrazione al Tribunale di Avellino n°03/2012
telelono +39 0825 37367 - mail redazione@piueconomia.it
La collaborazione giornalista è aperta a tutti ma è in forma gratuita. L'eventuale pubblicazione di quanto pervenuto non obbliga, in nessun caso, l'amministrazione di questo giornale alla corresponsione di compensi e quant'altro considerando quale liberatoria l'invio stesso del materiale. Il materiale pervenuto in redazione, anche se non pubblicato, non verrà restituito.