venerdì 24 ottobre 2014
 
La "trovata" pubblicitaria che non piace
pomì, terra dei fuochi, veleni, prodotti ortofrutticoli campania, aziende pulite campania,

Sarà stato il servizio delle Iene o le ultime rivelazione di Carmine Schiavone, fatto sta che quello che da anni avviene nella Terra dei Fuochi ora fa paura e c'è chi prende le distanze. L'azienda Pomì, specializzata nella lavorazione del pomodoro, con una campagna pubblicitaria che non lascia niente all'immaginazione, ha chiarito che "Pomì utilizza solo pomodori freschi dei soci del Consorzio Casalasco, coltivati nel cuore della Pianura Padana, ad una distanza media inferiore ai 50 km dagli stabilimenti di confezionamento".
 

Anche se non c'è nessun riferimento al disastro campano la mossa dell'azienda di pomodori è una netta e chiara presa di distanza dai prodotti che vengono coltivati nella terra dei fuochi. La scelta ha scatenato le polemiche della rete alle quali Pomì ha risposto che "i recenti scandali di carattere etico/ambientale che coinvolgono produttori ed operatori nel mondo dell'industria conserviera stanno muovendo l'opinione pubblica, generando disorientamento nei consumatori verso questa categoria merceologica. Il Consorzio Casalasco del Pomodoro e il brand Pomì sono da sempre contrari e totalmente estranei a pratiche simili, privilegiando una comunicazione chiara e diretta con il consumatore.

 

Per questo motivo l'azienda comunicherà sui principali quotidiani nazionali e locali, ribadendo i suoi valori e la sua posizione in questa vicenda.Si tratta di un atto dovuto non soltanto nei confronti dei consumatori, ma anche nel rispetto delle aziende agricole socie, del personale dipendente e di tutti gli stakeholders che da sempre collaborano per ottenere la massima qualità nel rispetto delle persone e dell'ambiente".
 

Pomì tutela i propri interessi e c'è chi sulla pagina Facebook dell'azienda vede questa strategia come "una speculazione su un disastro ambientale di cui quel medesimo nord è altamente responsabile". Le offese si sprecano e c'è chi invita a boicottare i prodotti dell'azienda. L'azienda ha cercato di dissinescare quella bomba di dubbi che aveva innescato "le Iene" affermando che gli ortaggi della Terra dei fuochi arrivano in tutta Italia e sono usati da molte aziende del Nord. Un messaggio servito a far comprendere maggiormente il problema ma che potrebbe essere un boomerang letale per quelle aziende della Campania che lavorano nel pieno rispetto delle regole e in zone altamente controllate. Un altro colpo all'economia agroalimentare campana ha preso il via.
 


Pasqualino Magliaro
04/11/2013

stampa Condividi su Facebook Condividi su g++ Condividi su Twitter

Altre News


Ripudia la camorra e la criminalità organizzata, pur abitando a due passi da uno dei boss più “feroci” d’Irpinia, Cava. La ripudia con tutto se stesso e non solo perché gli ha rovinato la vita, parte degli affetti, il lavoro. Da affermato imprenditore
Eleganza, sicurezza e femminilità hanno sfilato nella suggestiva location di Villa di Marzo per presentare la collezione della giovane stilista emergente, Sara D’Argenio, un’irpina che a 27 anni ha deciso di dare corpo, ed abito, ad una passione maturata nel tempo.
conciliazione bancaria, conciliatore bancario finanziario, credito, avvocato fioretti INTERVISTA
Anche in Campania cresce costantemente l’uso della conciliazione bancaria. Dal 2005 infatti, grazie a questo strumento, le banche e i loro
La Legge di Stabilità 2015 abroga gli incentivi per apprendisti e disoccupati di lunga durata. Si tratta delle assunzioni agevolate in caso di stipula di contratto a tempo indeterminato di lavoratori disoccupati di lunga durata
In Campania i matrimoni rappresentano un business da 300 milioni di euro annui. Il trend positivo e' stato confermato anche nel corso di Tutto Sposi, la fiera piu' grande d'Europa a Napoli sino al 26 ottobre
L’Italia cresce sui mercati esteri: oltre 2mila imprese esportatrici in più in un anno. Lo dimostrano i dati resi noti in occasione della presentazione
A settembre 2014, rispetto al mese precedente, entrambi i flussi commerciali presentano un sensibile incremento, più marcato per le esportazioni
Saranno 300 i pullman che dalla Campania partiranno per Roma in vista della manifestazione nazionale del 25 ottobre
“Cannavaro indagato per le tasse” sopra, come apertura di pagina. Sotto, l’articolo dedicato a lui, ad Alfred, il portiere nato in Senegal
Le dimissioni del sindaco di Avellino hanno suscitato interesse anche nella stampa nazionale. E’ di pochi giorni fa, infatti, un articolo del Corriere della Sera
Venerdì difficile quello di domani per i trasporti. L’azienda napoletana di mobilità (Anm) informa che l’Unione sindacale di base e il sindacato macchinisti dell’Orsa hanno indetto aderiranno allo sciopero nazionale del trasporto pubblico locale di 24 ore.
Gnocchi, ravioli, tagliatelle, spaghetti. Ad ognuno il suo tipo, ma una cosa è certa la pasta mette d’accordo tutti gli italiani. Il 44% di loro la consuma quotidianamente. E' quanto emerge dall'indagine 'Gli italiani e la pasta' condotta da Doxa, in vista del World Pasta Day 2014, che si svolgerà

Mortalità per cancro, Pedicini (Crom): Irpinia isola felice ma Solofra zona critica

  SPORT & BUSINESS
 
La Camel vieta ai dipendenti di fumare negli uffici Vietato fumare negli uffici. E' quanto deciso dalla Reynolds American, una delle più grandi multinazionali del tabacco,...
Donna e carriera, Facebook e Apple ti pagano il congelamento degli ovuli Rimandare l’arrivo dei figli per favorire la carriera. Facebook e Apple pagano il congelamento degli ovuli per le loro dipendenti...
Curriculum vitae sui cartelloni pubblicitari, in Francia si cerca lavoro così Trovare lavoro diventa sempre più un’impresa. Lo sanno bene i francesi ideatori di un’iniziativa alquanto ingegnosa per...
Apple: martedì il nuovo iPhone 6. A New York le persone già in coda Da settimane non si parla d’altro. È iniziato ufficialmente il conto alla rovescia per il nuovo iPhone 6 che sarà svelato martedì...

Editore +Comunicazione di Francesca Fasolino - Via Mancini n.70 83100 Avellino - P.IVA/Codice Fiscale 02791700640
Registrazione al Tribunale di Avellino n°03/2012
telelono +39 0825 37367 - mail redazione@piueconomia.it
La collaborazione giornalista è aperta a tutti ma è in forma gratuita. L'eventuale pubblicazione di quanto pervenuto non obbliga, in nessun caso, l'amministrazione di questo giornale alla corresponsione di compensi e quant'altro considerando quale liberatoria l'invio stesso del materiale. Il materiale pervenuto in redazione, anche se non pubblicato, non verrà restituito.