martedì 3 marzo 2015
 
La "trovata" pubblicitaria che non piace
pomì, terra dei fuochi, veleni, prodotti ortofrutticoli campania, aziende pulite campania,

Sarà stato il servizio delle Iene o le ultime rivelazione di Carmine Schiavone, fatto sta che quello che da anni avviene nella Terra dei Fuochi ora fa paura e c'è chi prende le distanze. L'azienda Pomì, specializzata nella lavorazione del pomodoro, con una campagna pubblicitaria che non lascia niente all'immaginazione, ha chiarito che "Pomì utilizza solo pomodori freschi dei soci del Consorzio Casalasco, coltivati nel cuore della Pianura Padana, ad una distanza media inferiore ai 50 km dagli stabilimenti di confezionamento".
 

Anche se non c'è nessun riferimento al disastro campano la mossa dell'azienda di pomodori è una netta e chiara presa di distanza dai prodotti che vengono coltivati nella terra dei fuochi. La scelta ha scatenato le polemiche della rete alle quali Pomì ha risposto che "i recenti scandali di carattere etico/ambientale che coinvolgono produttori ed operatori nel mondo dell'industria conserviera stanno muovendo l'opinione pubblica, generando disorientamento nei consumatori verso questa categoria merceologica. Il Consorzio Casalasco del Pomodoro e il brand Pomì sono da sempre contrari e totalmente estranei a pratiche simili, privilegiando una comunicazione chiara e diretta con il consumatore.

 

Per questo motivo l'azienda comunicherà sui principali quotidiani nazionali e locali, ribadendo i suoi valori e la sua posizione in questa vicenda.Si tratta di un atto dovuto non soltanto nei confronti dei consumatori, ma anche nel rispetto delle aziende agricole socie, del personale dipendente e di tutti gli stakeholders che da sempre collaborano per ottenere la massima qualità nel rispetto delle persone e dell'ambiente".
 

Pomì tutela i propri interessi e c'è chi sulla pagina Facebook dell'azienda vede questa strategia come "una speculazione su un disastro ambientale di cui quel medesimo nord è altamente responsabile". Le offese si sprecano e c'è chi invita a boicottare i prodotti dell'azienda. L'azienda ha cercato di dissinescare quella bomba di dubbi che aveva innescato "le Iene" affermando che gli ortaggi della Terra dei fuochi arrivano in tutta Italia e sono usati da molte aziende del Nord. Un messaggio servito a far comprendere maggiormente il problema ma che potrebbe essere un boomerang letale per quelle aziende della Campania che lavorano nel pieno rispetto delle regole e in zone altamente controllate. Un altro colpo all'economia agroalimentare campana ha preso il via.
 


Pasqualino Magliaro
04/11/2013

stampa Condividi su Facebook Condividi su g++ Condividi su Twitter

Altre News


Dalle parole ai fatti. Entra nel vivo il Progetto “Pio Monte Somma” per l'erogazione di “nanocrediti” a famiglie in condizioni di vulnerabilità economica e sociale. La presentazione ufficiale della fase operativa è fissata per Venerdì 6 marzo presso il Palazzo Vescovile a Nolal
Possibilità di lavoro a tempo indeterminato per due tecnici meccatronici. Un'azienda con sede a Ercolano, in provincia di Napoli, è alla ricerca di un installatore e riparatore di impianti elettrici industriali
Dove vivono i singles più sexy d'Italia? Lo svela il noto sito d'incontri eDarling che conta 174 mila utenti che ha creato una particolare classifica sul livello di attrattività fisica degli uomini italiani
L’assessore al Commercio e all’Artigianato della Regione Campania Vittorio Fucci ha presentato oggi in sala giunta il progetto di attivazione del Call Center per la tutela dei consumatori. A partire da oggi, dalle 9 alle 14, dal lunedì al venerdì, è attivo presso la sede dell’Assessorato all’isola A
Da giovedì 5 a sabato 28 marzo un fitto calendario di laboratori farà della casa canonica parrocchiale una scoppiettante fucina in cui la condivisione
In questi giorni dipendenti, altri lavoratori assimilati e pensionati non riceveranno più il cud. Al suo posto è stata predisposta la certificazione unica
Il cerotto medicato IBSA, il primo ad essere venduto negli States, brevettato a livello internazionale negli anni 90, compie 20 anni. Ed è proprio in Italia, nella regione campana che è centralizzata la produzione
L' azienda multinazionale fondata in Svezia e che nel 2013 risultava avere 151.000 collaboratori con un management composto per il 47% da donne ed un fatturato annuale di oltre 29 miliardi, investe nel settore della tecnologia si impegnerà per far sì che dispositivi mobili saranno ricaricabili attra
L’assessorato regionale alla Cultura ha espresso parere favorevole al Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo per il riconoscimento di due organismi teatrali campani come "teatri di rilevante interesse culturale"
Si chiama "21/21" l'iniziativa ideata dal Comitato don Peppe Diana in vista del ventunesimo anniversario, che cadrà il 19 marzo prossimo, della morte ad opera di un killer del clan dei Casalesi del sacerdote che aveva sfidato apertamente la camorra. Un filo rosso, quello caratterizzato dal numero "2
"All'ITB di Berlino la Campania sarà protagonista con il nostro progetto Grand Tour 2015, la nuova versione elaborata dalla Scabec sulla piattaforma Campania>Artecard, che coinvolgerà oltre 100 siti con più di 300 eventi pensati per arricchire e rendere emozionante il viaggio e il soggiorno dei turi
"Il premio ricevuto oggi a Roma da Legambiente e Federambiente per il Piano regionale di prevenzione per la riduzione dei rifiuti rappresenta un importante riconoscimento per la Campania e dimostra che le politiche attuate dalla Giunta Caldoro per la gestione dell'intero ciclo dei rifiuti ci pongono
  CAMPANIA IN VETRINA
 
La bottiglia della Coca Cola compie 100 anni: ecco la mostra che la celebra Tutti i giorni senza farci caso abbiamo a che fare con oggetti che sono passati alla storia. Pensiamo alla bottiglia della Coca...
Internet, quando una passione si trasforma in una fortuna In un periodo di crisi come quello in cui viviamo tutti sono alla ricerca di un impego o per dirla più chiaramente di un colpo di...
Dal design alla pasticceria: le Nike Air Max si fanno di cioccolata Le sculture del designer olandese Joost Goudriann hanno incuriosito il mondo perché spaziano tra design e pasticceria. Una delle...
Barbie sull'orlo di una crisi: non piace più alle bambine La bambola che ha fatto felici milioni di bambine, non piace più. Stiamo parlando della famosissima Barbie che tante imitazioni ha...

Editore +Comunicazione di Francesca Fasolino - Via Mancini n.70 83100 Avellino - P.IVA/Codice Fiscale 02791700640
Registrazione al Tribunale di Avellino n°03/2012
telelono +39 0825 37367 - mail redazione@piueconomia.it
La collaborazione giornalista è aperta a tutti ma è in forma gratuita. L'eventuale pubblicazione di quanto pervenuto non obbliga, in nessun caso, l'amministrazione di questo giornale alla corresponsione di compensi e quant'altro considerando quale liberatoria l'invio stesso del materiale. Il materiale pervenuto in redazione, anche se non pubblicato, non verrà restituito.