venerdì 3 luglio 2015
 
La "trovata" pubblicitaria che non piace
pomì, terra dei fuochi, veleni, prodotti ortofrutticoli campania, aziende pulite campania,

Sarà stato il servizio delle Iene o le ultime rivelazione di Carmine Schiavone, fatto sta che quello che da anni avviene nella Terra dei Fuochi ora fa paura e c'è chi prende le distanze. L'azienda Pomì, specializzata nella lavorazione del pomodoro, con una campagna pubblicitaria che non lascia niente all'immaginazione, ha chiarito che "Pomì utilizza solo pomodori freschi dei soci del Consorzio Casalasco, coltivati nel cuore della Pianura Padana, ad una distanza media inferiore ai 50 km dagli stabilimenti di confezionamento".
 

Anche se non c'è nessun riferimento al disastro campano la mossa dell'azienda di pomodori è una netta e chiara presa di distanza dai prodotti che vengono coltivati nella terra dei fuochi. La scelta ha scatenato le polemiche della rete alle quali Pomì ha risposto che "i recenti scandali di carattere etico/ambientale che coinvolgono produttori ed operatori nel mondo dell'industria conserviera stanno muovendo l'opinione pubblica, generando disorientamento nei consumatori verso questa categoria merceologica. Il Consorzio Casalasco del Pomodoro e il brand Pomì sono da sempre contrari e totalmente estranei a pratiche simili, privilegiando una comunicazione chiara e diretta con il consumatore.

 

Per questo motivo l'azienda comunicherà sui principali quotidiani nazionali e locali, ribadendo i suoi valori e la sua posizione in questa vicenda.Si tratta di un atto dovuto non soltanto nei confronti dei consumatori, ma anche nel rispetto delle aziende agricole socie, del personale dipendente e di tutti gli stakeholders che da sempre collaborano per ottenere la massima qualità nel rispetto delle persone e dell'ambiente".
 

Pomì tutela i propri interessi e c'è chi sulla pagina Facebook dell'azienda vede questa strategia come "una speculazione su un disastro ambientale di cui quel medesimo nord è altamente responsabile". Le offese si sprecano e c'è chi invita a boicottare i prodotti dell'azienda. L'azienda ha cercato di dissinescare quella bomba di dubbi che aveva innescato "le Iene" affermando che gli ortaggi della Terra dei fuochi arrivano in tutta Italia e sono usati da molte aziende del Nord. Un messaggio servito a far comprendere maggiormente il problema ma che potrebbe essere un boomerang letale per quelle aziende della Campania che lavorano nel pieno rispetto delle regole e in zone altamente controllate. Un altro colpo all'economia agroalimentare campana ha preso il via.
 


Pasqualino Magliaro
04/11/2013

stampa Condividi su Facebook Condividi su g++ Condividi su Twitter

Altre News


Per gli esercenti, all’orizzonte, c’è un altro incubo. L’ipotesi, molto concreta, contenuta in una norma del recente decreto enti locali del Governo secondo cui
L'obiettivo del convegno organizzato da Ance Giovani, è stato quello di trattare tecnicamente vari aspetti dell'edilizia scolastica in modo da acquisire una panoramica complessiva
I nuovi fondi vanno ad aggiungersi a due precedenti iniziative avviate nell'aprile scorso, rivolte all’occupazione giovanile e alle imprese di piccole e medie dimensioni
Per la Campania, in particolare, ci sono 575 milioni di euro da spendere nei prossimi tre anni. In tutto, a livello nazionale, sono disponibili 4 miliardi. L’opportunità concreta per salvaguardare vite umane ma anche per rimettere in moto tutta la filiera dell’edilizia
Si sono registrate 24,4 milioni di presenze di clienti residenti, che rappresentano il 50,6% delle presenze totali. Le presenze dei non residenti sono state circa 23,8 milioni. Le presenze negli esercizi alberghieri sono state pari a 39,6 milioni di unità
Anche quest’anno sarà una kermesse d’indubbio valore, con 3600 giurati provenienti da circa 50 Paesi e centinaia di città e piccoli borghi d’Italia, 156 film
Belmonte tira un sospiro di sollievo: approvato il bilancio dell’Asi di Avellino. Stamane l’assemblea dei sindaci che ha dato il via libera al consuntivo. Una riunione preceduta da una riunione degli esponenti del Partito Democratico
L’assunzione della partecipazione da parte di Bper Banca è avvenuta mediante la sottoscrizione di un aumento di capitale riservato, in base a un accordo siglato nei giorni scorsi
Expo non sarà solo promozione e vetrina ma sarà un vero e proprio laboratorio che alla sua chiusura lascerà un eredità importante in termini occupazionali
Più numerose a Roma (10 mila), Milano (8 mila), Torino (5 mila), Firenze (4 mila), Napoli e Prato (3 mila), Brescia (oltre 2 mila). Crescono più velocemente in quattro anni a Reggio Calabria (da 600 a oltre 800, +50%), Ferrara (da 400 a 600, +40%), Ravenna (da 500 a oltre 600, +40%)
Il tribunale di Napoli, dunque, questa mattina ha accolto il ricorso urgente ex articolo 700 presentato dagli avvocati di Vincenzo De Luca Lorenzo Lentini, Giuseppe Abbamonte e Antonio Brancaccio
Anche il dato congiunturale conferma il quadro di generale ribasso dei prezzi. Quello registrato nel primo trimestre 2015 è infatti il quattordicesimo calo congiunturale consecutivo

Un pezzo di Silicon Valley in Campania

 
Bucarest, in 700 per un colloquio ma viene assunto un gatto Cercarsi direttore comunicazione per la Catbox di Bucarest. Un posto molto ambito per tanti. E infatti al colloquio si presentano...
Innovazione WhatsApp, arrivano le chiamate vocali Un'importante evoluzione per il mondo di WhatsApp. La celebre applicazione di messaggistica come annunciato oltre un mese fa...
Vendita Smartphone, Apple supera Samsung Apple ruba a Samsung il primato di vendite di Smartphone che ormai durava dal 2011. A certificare il sorpasso della "mela"...
La bottiglia della Coca Cola compie 100 anni: ecco la mostra che la celebra Tutti i giorni senza farci caso abbiamo a che fare con oggetti che sono passati alla storia. Pensiamo alla bottiglia della Coca...

Editore +Comunicazione di Francesca Fasolino - Via Mancini n.70 83100 Avellino - P.IVA/Codice Fiscale 02791700640
Registrazione al Tribunale di Avellino n°03/2012
telelono +39 0825 37367 - mail redazione@piueconomia.it
La collaborazione giornalista è aperta a tutti ma è in forma gratuita. L'eventuale pubblicazione di quanto pervenuto non obbliga, in nessun caso, l'amministrazione di questo giornale alla corresponsione di compensi e quant'altro considerando quale liberatoria l'invio stesso del materiale. Il materiale pervenuto in redazione, anche se non pubblicato, non verrà restituito.