giovedì 27 novembre 2014
 
La "trovata" pubblicitaria che non piace
pomì, terra dei fuochi, veleni, prodotti ortofrutticoli campania, aziende pulite campania,

Sarà stato il servizio delle Iene o le ultime rivelazione di Carmine Schiavone, fatto sta che quello che da anni avviene nella Terra dei Fuochi ora fa paura e c'è chi prende le distanze. L'azienda Pomì, specializzata nella lavorazione del pomodoro, con una campagna pubblicitaria che non lascia niente all'immaginazione, ha chiarito che "Pomì utilizza solo pomodori freschi dei soci del Consorzio Casalasco, coltivati nel cuore della Pianura Padana, ad una distanza media inferiore ai 50 km dagli stabilimenti di confezionamento".
 

Anche se non c'è nessun riferimento al disastro campano la mossa dell'azienda di pomodori è una netta e chiara presa di distanza dai prodotti che vengono coltivati nella terra dei fuochi. La scelta ha scatenato le polemiche della rete alle quali Pomì ha risposto che "i recenti scandali di carattere etico/ambientale che coinvolgono produttori ed operatori nel mondo dell'industria conserviera stanno muovendo l'opinione pubblica, generando disorientamento nei consumatori verso questa categoria merceologica. Il Consorzio Casalasco del Pomodoro e il brand Pomì sono da sempre contrari e totalmente estranei a pratiche simili, privilegiando una comunicazione chiara e diretta con il consumatore.

 

Per questo motivo l'azienda comunicherà sui principali quotidiani nazionali e locali, ribadendo i suoi valori e la sua posizione in questa vicenda.Si tratta di un atto dovuto non soltanto nei confronti dei consumatori, ma anche nel rispetto delle aziende agricole socie, del personale dipendente e di tutti gli stakeholders che da sempre collaborano per ottenere la massima qualità nel rispetto delle persone e dell'ambiente".
 

Pomì tutela i propri interessi e c'è chi sulla pagina Facebook dell'azienda vede questa strategia come "una speculazione su un disastro ambientale di cui quel medesimo nord è altamente responsabile". Le offese si sprecano e c'è chi invita a boicottare i prodotti dell'azienda. L'azienda ha cercato di dissinescare quella bomba di dubbi che aveva innescato "le Iene" affermando che gli ortaggi della Terra dei fuochi arrivano in tutta Italia e sono usati da molte aziende del Nord. Un messaggio servito a far comprendere maggiormente il problema ma che potrebbe essere un boomerang letale per quelle aziende della Campania che lavorano nel pieno rispetto delle regole e in zone altamente controllate. Un altro colpo all'economia agroalimentare campana ha preso il via.
 


Pasqualino Magliaro
04/11/2013

stampa Condividi su Facebook Condividi su g++ Condividi su Twitter

Altre News


Il rilancio dell’ex Fiat Irisbus di Flumeri passa attraverso quattro fasi. King Long Italia, che detiene all’80% la nuova società “Industria Italiana Autobus”, sta mettendo a posto tutti i tasselli per riaprire lo stabilimento irpino
Alle primarie di coalizione del centro-sinistra per la scelta del candidato alle Regionali 2015, ci sarà anche un esponente del Centro Democratico
“Viviamo in un territorio difficile dove le istituzioni sono spesso assenti. La Campania paga un forte ritardo strutturale, basti pensare alla banda larga o al Porto di Napoli, ma può contare su un grande capitale umano”
Nuove opportunità di lavoro a Napoli per Maestre ed Educatori. Indetto un bando per il reclutamento di 370 docenti per le scuole dell’obbligo tramite procedura speciale e concorso pubblico
Taglio del nastro stamane per la “Festa del cioccolato” ad Avellino. Quattro giorni di dolcezza dedicati a tutti i golosi saranno offerti, dalle ore 10 fino a notte, da venti gazebo dislocati lungo Corso Vittorio Emanuele
Lombardia, Lazio e Campania si aggiudicano il podio per numero di imprese femminili presenti in Italia, da sole ne detengono più del 33%. Ma è in Molise, Basilicata e Abruzzo
La volontà, manifestata in tutte le occasioni, di essere una banca al servizio del territorio, non è una parola vuota oppure un semplice slogan per la Banca Popolare dell’Emilia Romagna
Musica, danza, design e scienze naturali. Sono alcune fra le materie che a giugno debutteranno alla seconda prova della Maturità
Santi e immagini sacre. Un’iconografia della religione che diventa arredo nella casa dei boss. Ma come mai questi due mondi così diversi, religione e mafie, si sono incontrate andando anche d’accordo?
Una nuova partnership tra Confidi Regione Campania e Unicredit, per favorire lo sviluppo delle piccole e medie imprese. Il consorzio, infatti, ha aderito all’iniziativa “Top Europe” dell’istituto bancario.
Basta ricetta cartacea, adesso per ritirare i farmaci basterà un semplice promemoria. Arriva anche in Campania la ricetta elettronica. I cittadini campani, d’ora in poi, dovranno abbandonare la vecchia ricetta cartacea del medico e farsi rilasciare un promemoria con il quale potranno ritirare i farm
A Napoli sarà vietato rovistare nei contenitori della spazzatura e rivendere in strada la merce prelevata dai cassonetti.
  SPORT & BUSINESS
 
Nei "pasticci" il Boss delle torte, Buddy Valastro arrestato a New York L'uomo è stato portato in custodia ma, probabilmente verrà rilasciato nelle prossime ore.
In vendita la casa di Audrey Hepburn in "Colazione da Tiffany" Sul davanzale di una delle finestre Audrey Hepburn ha cantato la celebre Moon River nel film “Colazione da Tiffany”. Ora quel...
La Camel vieta ai dipendenti di fumare negli uffici Vietato fumare negli uffici. E' quanto deciso dalla Reynolds American, una delle più grandi multinazionali del tabacco,...
Donna e carriera, Facebook e Apple ti pagano il congelamento degli ovuli Rimandare l’arrivo dei figli per favorire la carriera. Facebook e Apple pagano il congelamento degli ovuli per le loro dipendenti...

Editore +Comunicazione di Francesca Fasolino - Via Mancini n.70 83100 Avellino - P.IVA/Codice Fiscale 02791700640
Registrazione al Tribunale di Avellino n°03/2012
telelono +39 0825 37367 - mail redazione@piueconomia.it
La collaborazione giornalista è aperta a tutti ma è in forma gratuita. L'eventuale pubblicazione di quanto pervenuto non obbliga, in nessun caso, l'amministrazione di questo giornale alla corresponsione di compensi e quant'altro considerando quale liberatoria l'invio stesso del materiale. Il materiale pervenuto in redazione, anche se non pubblicato, non verrà restituito.