lunedì 25 maggio 2015
 
La "trovata" pubblicitaria che non piace
pomì, terra dei fuochi, veleni, prodotti ortofrutticoli campania, aziende pulite campania,

Sarà stato il servizio delle Iene o le ultime rivelazione di Carmine Schiavone, fatto sta che quello che da anni avviene nella Terra dei Fuochi ora fa paura e c'è chi prende le distanze. L'azienda Pomì, specializzata nella lavorazione del pomodoro, con una campagna pubblicitaria che non lascia niente all'immaginazione, ha chiarito che "Pomì utilizza solo pomodori freschi dei soci del Consorzio Casalasco, coltivati nel cuore della Pianura Padana, ad una distanza media inferiore ai 50 km dagli stabilimenti di confezionamento".
 

Anche se non c'è nessun riferimento al disastro campano la mossa dell'azienda di pomodori è una netta e chiara presa di distanza dai prodotti che vengono coltivati nella terra dei fuochi. La scelta ha scatenato le polemiche della rete alle quali Pomì ha risposto che "i recenti scandali di carattere etico/ambientale che coinvolgono produttori ed operatori nel mondo dell'industria conserviera stanno muovendo l'opinione pubblica, generando disorientamento nei consumatori verso questa categoria merceologica. Il Consorzio Casalasco del Pomodoro e il brand Pomì sono da sempre contrari e totalmente estranei a pratiche simili, privilegiando una comunicazione chiara e diretta con il consumatore.

 

Per questo motivo l'azienda comunicherà sui principali quotidiani nazionali e locali, ribadendo i suoi valori e la sua posizione in questa vicenda.Si tratta di un atto dovuto non soltanto nei confronti dei consumatori, ma anche nel rispetto delle aziende agricole socie, del personale dipendente e di tutti gli stakeholders che da sempre collaborano per ottenere la massima qualità nel rispetto delle persone e dell'ambiente".
 

Pomì tutela i propri interessi e c'è chi sulla pagina Facebook dell'azienda vede questa strategia come "una speculazione su un disastro ambientale di cui quel medesimo nord è altamente responsabile". Le offese si sprecano e c'è chi invita a boicottare i prodotti dell'azienda. L'azienda ha cercato di dissinescare quella bomba di dubbi che aveva innescato "le Iene" affermando che gli ortaggi della Terra dei fuochi arrivano in tutta Italia e sono usati da molte aziende del Nord. Un messaggio servito a far comprendere maggiormente il problema ma che potrebbe essere un boomerang letale per quelle aziende della Campania che lavorano nel pieno rispetto delle regole e in zone altamente controllate. Un altro colpo all'economia agroalimentare campana ha preso il via.
 


Pasqualino Magliaro
04/11/2013

stampa Condividi su Facebook Condividi su g++ Condividi su Twitter

Altre News


Gesualdo ed i comuni limitrofi (Frigento, Villamaina, Fontanarosa) a sostegno della Preside Angelina Aldorasi. Sabato pomeriggio, la sala consiliare del comune
Un Polo medico di eccellenza o un primo presidio di pronto soccorso al centro della città: sono le ipotesi avanzate da commercianti e residenti della zona di Viale Italia ad Avellino
La vicenda ex Irisbus entra di diritto nello scorcio di questa campagna elettorale in Campania. Le aziende dell’indotto hanno preso carta e penna ed hanno invitato i cinque candidati alla carica di Presidente della Regione e i sette parlamentari irpini, ad un confronto programmato per giovedì
L'Autorità anticorruzione vigilerà sui contratti e i bandi di gara pubblici, anche quelli relativi agli Scavi di Pompei. La firma è stata apposta al Protocollo d'azione
All’Expo di Milano si festeggia il made in Italy e il made in Campania con l’esclusiva ricetta del Fusillone Tricolore, il piatto bianco, rosso e verde
Da Ines Fruncillo, candidata di Forza Italia in Irpinia alle Regionali, riceviamo e pubblichiamo
Per Angelina Aldorasi questa campagna è una vera e propria campagna di ascolto. “Sto prendendo nota di tutto e sto realizzando la mia Agenda per l’Irpinia”
Oltre alla pensioni, si è all’opera anche per il sostegno ai lavoratori che hanno perso il lavoro, faticando a trovarne un altro e senza i requisiti pensionistici: per gli over55 (lavoratori compresi nella fascia di età tra 55 e 65 anni)
6 miliardi di euro di fatturato e 2,3 in valore aggiunto il valore della filiera abbigliamento-moda nel Mezzogiorno, con 20mila imprese del settore e 100mila occupati. L’export delle imprese meridionali è di 2 mld, il 50% circa verso Paesi extra Ue
Arte, cultura, scienza, natura, gastronomia: è un'Irpinia sempre più protagonista quella che incuriosisce e attira visitatori nella sua Piazza lungo il Cardo dell'Esposizione Universale di Milano. Ed è un'Irpinia che si prepara a raccontarsi in chiave emotiva anche nel prossimo fine settimana
“Vogliamo insieme prevenire”. Questo il nome del progetto presentato stamane presso la sede de “La Casa sulla Roccia” di Avellino. Un programma di prevenzione primaria a favore degli studenti, dei genitori e dei docenti di un istituto scolastico della provincia
Verranno restituiti solo 2,1 miliardi rispetto ai 18 che assicurerebbero un rimborso totale. E' questo quanto deciso dal consiglio dei ministri con il decreto legge sulle pensioni che recepisce la sentenza della Consulta

Intervista ad Ilaria Petitto (Donnachiara)

 
Innovazione WhatsApp, arrivano le chiamate vocali Un'importante evoluzione per il mondo di WhatsApp. La celebre applicazione di messaggistica come annunciato oltre un mese fa...
Vendita Smartphone, Apple supera Samsung Apple ruba a Samsung il primato di vendite di Smartphone che ormai durava dal 2011. A certificare il sorpasso della "mela"...
La bottiglia della Coca Cola compie 100 anni: ecco la mostra che la celebra Tutti i giorni senza farci caso abbiamo a che fare con oggetti che sono passati alla storia. Pensiamo alla bottiglia della Coca...
Internet, quando una passione si trasforma in una fortuna In un periodo di crisi come quello in cui viviamo tutti sono alla ricerca di un impego o per dirla più chiaramente di un colpo di...

Editore +Comunicazione di Francesca Fasolino - Via Mancini n.70 83100 Avellino - P.IVA/Codice Fiscale 02791700640
Registrazione al Tribunale di Avellino n°03/2012
telelono +39 0825 37367 - mail redazione@piueconomia.it
La collaborazione giornalista è aperta a tutti ma è in forma gratuita. L'eventuale pubblicazione di quanto pervenuto non obbliga, in nessun caso, l'amministrazione di questo giornale alla corresponsione di compensi e quant'altro considerando quale liberatoria l'invio stesso del materiale. Il materiale pervenuto in redazione, anche se non pubblicato, non verrà restituito.