sabato 25 ottobre 2014
 
La firma del patto a Napoli
fornero italia germania capri lavoro apprendistato
Il ministro del Lavoro Elsa Fornero

 

Lo aveva preannunciato a Capri, durante il convegno nazionale dei Giovani Imprenditori. Detto, fatto, il ministro Fornero ha mantenuto la parola.

 

Un'asse Italia-Germania in nome del lavoro e della formazione. Con un obiettivo chiaro: rafforzare i mercati del lavoro e promuovere l'occupazione giovanile. C’è tutto questo nel Memorandum D'intesa che oggi è stato firmato a Napoli dal ministro del Lavoro, Elsa Fornero, e dal ministro federale del lavoro e degli affari sociali tedesco, Ursula von der Leyen.

 

La firma in una Napoli blindatissima, alla Mostra d'Oltremare si respirava un po' di tensione. 

 

Fornero, in conferenza stampa congiunta con la collega tedesca, ha sottolineato, più volte, «l'importanza di questo incontro, non tanto - ha detto - della firma di questo memorandum ma del lavoro comune, congiunto che ci impegniamo a fare, ponendo i presupposti per il ministro che verrà dopo, perché riguarda il 2013 e il 2014».
 

 

Un passo importante - ha sottolineato - perché «questa firma viene a poca distanza dall'approvazione della riforma del mercato del lavoro, una riforma complessa, articolata, nella quale se c'è stato un qualche punto di riferimento questo è esattamente il modello tedesco».
 

 

Saranno utilizzati soprattutto i soldi del Fondo sociale europeo, ha spiegato Fornero, per rafforzare il programma Eures, ad esempio, «perché - ha spiegato - consideriamo la mobilità europea del lavoro un fattore di promozione della professionalità e dei giovani, un rafforzamento della loro posizione nel mercato del lavoro che contribuisce a creare una Europa non solo monetaria e del rigore finanziario ma del benessere delle giovani generazioni».
 

 

Un memorandum, quello di oggi, che chiama in causa diversi programmi: Eures, apprendistato, programma Ida. Il prossimo passo, ha annunciato Fornero, «sarà un'agenda che vedrà delle scadenze e all'interno di queste scadenze la collaborazione binaria tra aziende e scuole per individuare un certo numero di ragazzi che potranno partecipare a queste forme di apprendistato nei due Paesi».
 

 

Soddisfazione è stata espressa anche dal ministro von der Leyen che ha ricordato «come la Germania investirà 140 milioni di euro su corsi di lingue per abbattere l'ultima barriera che ci divide, quella della lingua».

 

Il ministro tedesco ha sottolineato che «questo sarà un progetto pilota interessante per tutta l'Europa che va verso una mercato del lavoro che sia davvero comune». 


Alpi
12/11/2012

stampa Condividi su Facebook Condividi su g++ Condividi su Twitter

Altre News


E’ stato firmato oggi, a palazzo Santa Lucia, il protocollo di intesa tra la Regione Campania, le 7 Università e gli Istituti di ricerca per infrastrutture.
L’azienda Salerno Packaging si apre all’internazionalizzazione e, in particolare, alla Cina. Ha fatto parte, infatti, della delegazione di imprese
Il Governo vuole puntare sul turismo in Campania, diversi i chiari segnali in questa direzione. L’ultimo, in ordine di tempo, riguarda
Nuove possibilità di lavoro per i disoccupati o fruitori di ammortizzatori sociali, anche in “deroga”. Pronta la bozza di decreto che istituisce il “Fondo per le politiche attive del lavoro”, in attuazione della legge di stabilità 2014
La mission è quella di promuovere le eccellenze produttive del mondo artigiano nell’Expo Milano 2015, la rassegna espositiva, di carattere
Un obiettivo che - continua la Coldiretti - può essere sostenuto con l'aiuto dei nuovi distributori automatici di frutta e verdura snack che si stanno
Firmato tra il Mipaaf, le Regioni, i Comuni, l’Agenzia del Demanio e Ismea il protocollo d’intesa “Terrevive” per la vendita e l’affitto dei terreni demaniali con lo scopo di favorire l’imprenditorialità giovanile in agricoltura e la ricomposizione fondiaria
La sala è gremita in ogni d’ordine di posto, eppure la “Genovesi” della Camera di Commercio di Salerno è bella grande. E, a dire la verità, fa anche molto caldo. Nonostante questo e nonostante l’ospite ritorni spesso proprio a Salerno
Eleganza, sicurezza e femminilità hanno sfilato nella suggestiva location di Villa di Marzo per presentare la collezione della giovane stilista emergente, Sara D’Argenio, un’irpina che a 27 anni ha deciso di dare corpo, ed abito, ad una passione maturata nel tempo.
“Con le nostre quattro sedi al Mezzogiorno, di cui una Napoli, vogliamo essere sempre di più vicini ai nostri clienti ed alle aziende del Sud. E non nego che potrebbero esserci anche dei progetti di sviluppo in queste zone”. A parlare è Domenico Princi
“Il riconoscimento che l’Università degli Studi di Salerno ha ottenuto dal Vice-Presidente della Commissione Europea e Commissario Europeo alla Mobilità e ai Trasporti Siim Kallas è un momento di orgoglio e di stimolo per la nostra Università, sempre più proiettata verso una dimensione europea” ha d
Il consigliere del presidente Caldoro alle Attività produttive e Sviluppo economico Fulvio Martusciello ha consegnato oggi i decreti dei progetti ammessi a finanziamento nell’ambito degli interventi di accelerazione della spesa dei Fondi strutturali europei.

Mortalità per cancro, Pedicini (Crom): Irpinia isola felice ma Solofra zona critica

  SPORT & BUSINESS
 
La Camel vieta ai dipendenti di fumare negli uffici Vietato fumare negli uffici. E' quanto deciso dalla Reynolds American, una delle più grandi multinazionali del tabacco,...
Donna e carriera, Facebook e Apple ti pagano il congelamento degli ovuli Rimandare l’arrivo dei figli per favorire la carriera. Facebook e Apple pagano il congelamento degli ovuli per le loro dipendenti...
Curriculum vitae sui cartelloni pubblicitari, in Francia si cerca lavoro così Trovare lavoro diventa sempre più un’impresa. Lo sanno bene i francesi ideatori di un’iniziativa alquanto ingegnosa per...
Apple: martedì il nuovo iPhone 6. A New York le persone già in coda Da settimane non si parla d’altro. È iniziato ufficialmente il conto alla rovescia per il nuovo iPhone 6 che sarà svelato martedì...

Editore +Comunicazione di Francesca Fasolino - Via Mancini n.70 83100 Avellino - P.IVA/Codice Fiscale 02791700640
Registrazione al Tribunale di Avellino n°03/2012
telelono +39 0825 37367 - mail redazione@piueconomia.it
La collaborazione giornalista è aperta a tutti ma è in forma gratuita. L'eventuale pubblicazione di quanto pervenuto non obbliga, in nessun caso, l'amministrazione di questo giornale alla corresponsione di compensi e quant'altro considerando quale liberatoria l'invio stesso del materiale. Il materiale pervenuto in redazione, anche se non pubblicato, non verrà restituito.