mercoledì 16 aprile 2014
 
La firma del patto a Napoli
fornero italia germania capri lavoro apprendistato
Il ministro del Lavoro Elsa Fornero

 

Lo aveva preannunciato a Capri, durante il convegno nazionale dei Giovani Imprenditori. Detto, fatto, il ministro Fornero ha mantenuto la parola.

 

Un'asse Italia-Germania in nome del lavoro e della formazione. Con un obiettivo chiaro: rafforzare i mercati del lavoro e promuovere l'occupazione giovanile. C’è tutto questo nel Memorandum D'intesa che oggi è stato firmato a Napoli dal ministro del Lavoro, Elsa Fornero, e dal ministro federale del lavoro e degli affari sociali tedesco, Ursula von der Leyen.

 

La firma in una Napoli blindatissima, alla Mostra d'Oltremare si respirava un po' di tensione. 

 

Fornero, in conferenza stampa congiunta con la collega tedesca, ha sottolineato, più volte, «l'importanza di questo incontro, non tanto - ha detto - della firma di questo memorandum ma del lavoro comune, congiunto che ci impegniamo a fare, ponendo i presupposti per il ministro che verrà dopo, perché riguarda il 2013 e il 2014».
 

 

Un passo importante - ha sottolineato - perché «questa firma viene a poca distanza dall'approvazione della riforma del mercato del lavoro, una riforma complessa, articolata, nella quale se c'è stato un qualche punto di riferimento questo è esattamente il modello tedesco».
 

 

Saranno utilizzati soprattutto i soldi del Fondo sociale europeo, ha spiegato Fornero, per rafforzare il programma Eures, ad esempio, «perché - ha spiegato - consideriamo la mobilità europea del lavoro un fattore di promozione della professionalità e dei giovani, un rafforzamento della loro posizione nel mercato del lavoro che contribuisce a creare una Europa non solo monetaria e del rigore finanziario ma del benessere delle giovani generazioni».
 

 

Un memorandum, quello di oggi, che chiama in causa diversi programmi: Eures, apprendistato, programma Ida. Il prossimo passo, ha annunciato Fornero, «sarà un'agenda che vedrà delle scadenze e all'interno di queste scadenze la collaborazione binaria tra aziende e scuole per individuare un certo numero di ragazzi che potranno partecipare a queste forme di apprendistato nei due Paesi».
 

 

Soddisfazione è stata espressa anche dal ministro von der Leyen che ha ricordato «come la Germania investirà 140 milioni di euro su corsi di lingue per abbattere l'ultima barriera che ci divide, quella della lingua».

 

Il ministro tedesco ha sottolineato che «questo sarà un progetto pilota interessante per tutta l'Europa che va verso una mercato del lavoro che sia davvero comune». 


Alpi
12/11/2012

stampa Condividi su Facebook Condividi su g++ Condividi su Twitter

Altre News


Non solo i lavoratori dicono sì all’ipotesi di accordo raggiunta con il gruppo Micron (che ha una sede anche ad Arzano, in provincia di Napoli) il 9 aprile scorso al Ministero del lavoro, alla presenza dei rappresentanti del Ministero dello Sviluppo Economico...
Si chiama "job insecurity" e colpisce un italiano su cinque con un'incidenza maggiore al Sud. E' la paura di perdere il lavoro, un'insicurezza professionale che crea instabilità e minore redditività sul posto di lavoro
Su 272 regioni dell’Ue la Campania si pone negli ultimi posti della classifica. La gradutoria in questione riguardo il lavoro e il tasso occupazionale nel territorio. Il sud arranca rispetto al nord italia e al resto d'Europa
“Corruzione nei servizi pubblici”, come volevasi dimostrare, purtroppo. La Campania, infatti, è nella lista nera insieme a Sicilia e Calabria
Sono i numeri a fare la differenza in economia. E quelli del Kazakhstan parlano molto chiaro, talmente chiaro da far venire la voglia di investire in un battibaleno. Il percorso, chiaramente, non è semplice, ma oggi, più che mai, ci sono le condizioni per farlo
L’Unci provinciale di Avellino ha organizzato presso l’Istituto comprensivo “Luigi Perna – Dante Alighieri” di Avellino, in collaborazione con la dirigente scolastica Ida Grella e del suo staff, una mattinata di approfondimento dedicata al tema dell’educazione alimentare
Conferenza stampa di Giovanni Centrella, segretario generale dell’Ugl, che racconta la sua verità ai giornalisti
«I dirigenti sono tutti al loro posto. Niente fuga o divergenze gestionali, solo un giusto rapporto dialettico». L’assessore al Personale del Comune di Avellino Anna Rita Marchitiello smentisce così le voci di rottura tra autorità politiche e tecnici
Il Centro Fieristico “Fiere della Campania” di Ariano Irpino ospiterà dal 9 all’11 Maggio la prima edizione dell’Expo dell’Elettronica, la mostra mercato dedicata al settore dell’elettronica e dell’informatica
Un pomeriggio all’insegna della condivisione, durante il quale il Comitato discuterà con i giovani del territorio
Opportunità lavorative nel mondo della moda. H&M ha infatti aperto le selezioni per il Design Student Placement 2014: un programma di tirocini retribuiti.
Entro la fine del 2015 Avellino avrà una nuova Piazza Libertà. E’ quanto assicurato dall’assessore all’Assetto Urbano e Riqualificazione Roberto Vanacore dopo l’approvazione in giunta del progetto preliminare di riqualificazione superficiale di Piazza Libertà

La nuova indentità visiva di Amalfi

  SPORT & BUSINESS
 
Andrew guadagna 93mila dollari viaggiando/Foto Partito a dicembre 2013 alla volta dell’Australia, il ragazzo è diventato “Chief Funster” del New South Wales e viene pagato per...
Internet, in rete il bug che sconvolge il sistema Heartbleed è in grado di decriptare oltre due terzi dei server della rete rendendo leggibili agli hacker tutte le password di...
Lavorare da Apple è un incubo, parola di ex dipendenti Non è tutto rose e fiori dunque nel campus di Copertino dove regna sovrana la riservatezza al limite della paranoia
Donna chatta per 6 ore consecutive: «Lei ha la Whatsappite» È questa la diagnosi ricevuta da una 34enne alla 27esima settimana di gravidanza che, dopo aver trascorso 6 ore di fila a digitare...

Editore +Comunicazione di Francesca Fasolino - Via Mancini n.70 83100 Avellino - P.IVA/Codice Fiscale 02791700640
Registrazione al Tribunale di Avellino n°03/2012
telelono +39 0825 37367 - mail redazione@piueconomia.it
La collaborazione giornalista è aperta a tutti ma è in forma gratuita. L'eventuale pubblicazione di quanto pervenuto non obbliga, in nessun caso, l'amministrazione di questo giornale alla corresponsione di compensi e quant'altro considerando quale liberatoria l'invio stesso del materiale. Il materiale pervenuto in redazione, anche se non pubblicato, non verrà restituito.