sabato 28 marzo 2015
 
La firma del patto a Napoli
fornero italia germania capri lavoro apprendistato
Il ministro del Lavoro Elsa Fornero

 

Lo aveva preannunciato a Capri, durante il convegno nazionale dei Giovani Imprenditori. Detto, fatto, il ministro Fornero ha mantenuto la parola.

 

Un'asse Italia-Germania in nome del lavoro e della formazione. Con un obiettivo chiaro: rafforzare i mercati del lavoro e promuovere l'occupazione giovanile. C’è tutto questo nel Memorandum D'intesa che oggi è stato firmato a Napoli dal ministro del Lavoro, Elsa Fornero, e dal ministro federale del lavoro e degli affari sociali tedesco, Ursula von der Leyen.

 

La firma in una Napoli blindatissima, alla Mostra d'Oltremare si respirava un po' di tensione. 

 

Fornero, in conferenza stampa congiunta con la collega tedesca, ha sottolineato, più volte, «l'importanza di questo incontro, non tanto - ha detto - della firma di questo memorandum ma del lavoro comune, congiunto che ci impegniamo a fare, ponendo i presupposti per il ministro che verrà dopo, perché riguarda il 2013 e il 2014».
 

 

Un passo importante - ha sottolineato - perché «questa firma viene a poca distanza dall'approvazione della riforma del mercato del lavoro, una riforma complessa, articolata, nella quale se c'è stato un qualche punto di riferimento questo è esattamente il modello tedesco».
 

 

Saranno utilizzati soprattutto i soldi del Fondo sociale europeo, ha spiegato Fornero, per rafforzare il programma Eures, ad esempio, «perché - ha spiegato - consideriamo la mobilità europea del lavoro un fattore di promozione della professionalità e dei giovani, un rafforzamento della loro posizione nel mercato del lavoro che contribuisce a creare una Europa non solo monetaria e del rigore finanziario ma del benessere delle giovani generazioni».
 

 

Un memorandum, quello di oggi, che chiama in causa diversi programmi: Eures, apprendistato, programma Ida. Il prossimo passo, ha annunciato Fornero, «sarà un'agenda che vedrà delle scadenze e all'interno di queste scadenze la collaborazione binaria tra aziende e scuole per individuare un certo numero di ragazzi che potranno partecipare a queste forme di apprendistato nei due Paesi».
 

 

Soddisfazione è stata espressa anche dal ministro von der Leyen che ha ricordato «come la Germania investirà 140 milioni di euro su corsi di lingue per abbattere l'ultima barriera che ci divide, quella della lingua».

 

Il ministro tedesco ha sottolineato che «questo sarà un progetto pilota interessante per tutta l'Europa che va verso una mercato del lavoro che sia davvero comune». 


Alpi
12/11/2012

stampa Condividi su Facebook Condividi su g++ Condividi su Twitter

Altre News


La Campania registra un saldo positivo della bilancia commerciale con la Germania grazie al turismo e l' intero Sud segna un attivo di circa un miliardo. Lo ha sottolineato l' ambasciatore tedesco in Italia Reinhard Schaefers che ha incontrato a Napoli le autorità locali
Una scelta confortata dai grandi numeri. Il bilancio post Vinitaly del presidente della Camera di Commercio di Avellino, è positivo
Venticinque piccole aziende campane a rischio racket ed usura negli ultimi otto mesi, a cavallo tra il 2014 ed il 2015. Venticinque realtà
"Avere memoria delle persone che hanno fatto la storia di un territorio ma anche guardare al futuro dei nostri giovani". Questo l'importante valore delle due borse di studio intitolate ai due Sindaci di Avellino Antonio Aurigemma e Antonio Di Nunno, destinate ai giovani universitari
Dopo la strage di Capaci, lo Stato provò a trattare non solo con la mafia, ma anche con la camorra. Cinquemila, tra boss e gregari dell’organizzazione criminale campana, erano infatti pronti a deporre le armi. Parte da qui il volume “L’altra trattativa. La vera storia del fallito accordo Stato -cam
“Siamo noi la destra italiana”. Il tour campano di Giorgia Meloni, presidente di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale, è lungo e stressante
Si terranno lunedì 30 marzo e martedì 31 marzo presso il Centro Congressi Internazionale “Salerno Incontra” - via Roma, 29 – due business focus dedicati ai paesi del Marocco e della Romania
Presentata la manifestazione “Centro per il c’entro” ideata la Pro Loco Avellinum Longobarda Civitas in collaborazione con l’assessorato alla cultura del Comune di Avellino
Un'ottima notizia per l'economia italiana che sembra avviarsi verso l'uscita dalla recessione: le vendite al dettaglio crescono infatti a gennaio dello 0,1% da dicembre e dell'1,7% da gennaio 2014
E’ stata sfornata la prima pizza Napoletana Doc simbolo dell’Expo 2015 nella giornata di mobilitazione in occasione della convocazione
Il settore in cui il lavoro abbonda e restano scoperti circa seimila posti esiste: è quello della ristorazione da pizzeria. E’ quanto afferma la Coldiretti nella giornata di mobilitazione in occasione della convocazione della Commissione Italiana Unesco a Roma
Si è chiusa in segno nettamente positivo l’esperienza dell’Irpinia alla 49esima edizione del Vinitaly. Nel padiglione ideato dalla Camera di Commercio

«Jobs Act, tutte le opportunità per i lavoratori»: intervista al professor Matarazzo

 
Vendita Smartphone, Apple supera Samsung Apple ruba a Samsung il primato di vendite di Smartphone che ormai durava dal 2011. A certificare il sorpasso della "mela"...
La bottiglia della Coca Cola compie 100 anni: ecco la mostra che la celebra Tutti i giorni senza farci caso abbiamo a che fare con oggetti che sono passati alla storia. Pensiamo alla bottiglia della Coca...
Internet, quando una passione si trasforma in una fortuna In un periodo di crisi come quello in cui viviamo tutti sono alla ricerca di un impego o per dirla più chiaramente di un colpo di...
Dal design alla pasticceria: le Nike Air Max si fanno di cioccolata Le sculture del designer olandese Joost Goudriann hanno incuriosito il mondo perché spaziano tra design e pasticceria. Una delle...

Editore +Comunicazione di Francesca Fasolino - Via Mancini n.70 83100 Avellino - P.IVA/Codice Fiscale 02791700640
Registrazione al Tribunale di Avellino n°03/2012
telelono +39 0825 37367 - mail redazione@piueconomia.it
La collaborazione giornalista è aperta a tutti ma è in forma gratuita. L'eventuale pubblicazione di quanto pervenuto non obbliga, in nessun caso, l'amministrazione di questo giornale alla corresponsione di compensi e quant'altro considerando quale liberatoria l'invio stesso del materiale. Il materiale pervenuto in redazione, anche se non pubblicato, non verrà restituito.